Cos'è l'impianto fotovoltaico

Quando si parla di un impianto fotovoltaico connesso alla rete elettrica, si intende quella tecnologia che consente di trasformare l'energia del sole in energia elettrica, direttamente nel luogo di consumo.



L'impianto fotovoltaico è formato da:

I moduli fotovoltaici

chiamati comunemente Pannelli, sono l'elemento che trasformano la radiazione solare in corrente elettrica continua grazie all'effetto fotoelettrico. Oggi sul mercato ne esistono varie tipologie (silicio monocristallino, silicio policristallino , silicio amorfo e CIS) con varie potenze disponibili (da 60 Wp a 400 Wp) che consentono di soddisfare le più svariate esigenze.

L'inverter

è un componente elettrico che consente di trasformare la corrente continua prodotta dai pannelli in corrente alternata utilizzabile dagli elettrodomestici. Esso integra i sistemi di controllo e di sicurezza principali d'impianto

Il sistema di monitoraggio

è quel Componente elettronico che permette la visualizzazione dei dati di produzione istantanei e totali dell'impianto fotovoltaico. La maggior parte degli inverter presenti sul mercato possiedono uno schermo integrato che permette la visualizzazione di tali dati. Esistono sistemi di monitoraggio opzionali più complessi che permettono di visualizzare più parametri di funzionamento e di inviarli direttamente su uno schermo luminoso, su un PC o sul proprio smartphone.

Il sistema di accumulo

è un elemento opzionale che permette di accumulare una parte di energia prodotta in eccesso e di utilizzarla in un secondo momento. Tali sistemi possono essere integrati negli inverter o esistere come componenti separati.

La struttura di sostegno e i quadri elettrici

completano l'impianto fotovoltaico. La struttura di fissaggio dei pannelli permette il loro semplice ancoraggio o di migliorarne l'inclinazione. I Quadri elettri comprendono i dispositivi di manovra e i componenti di sicurezza dell'impianto.

Funzionamento dell'impianto in regime di scambio sul posto


L'edificio su cui è installato un impianto fotovoltaico è servito sia dallo stesso impianto in via prioritaria, che dalla rete elettrica nazionale come integrazione di energia. Poiché la produzione dell'impianto fotovoltaico varia con l'irraggiamento solare, si configurano due tipologie di funzionamento in base ai consumi istantanei dell'edificio:


Produzione istantanea del fotovoltaico MAGGIORE del consumo istantaneo dell'edificio:
L'energia prodotta dall'impianto fotovoltaico serve completamente l'edificio; pertanto si ha un risparmio immediato pari al costo di acquisto dell'energia elettrica. L'energia prodotta in esubero viene immessa nella rete elettrica nazionale, e in seguito rimborsata dal GSE. (fino ad un massimo della quota prelevata)
Produzione istantanea del fotovoltaico MINORE del consumo istantaneo dell'edificio:
L'energia prodotta dall'impianto fotovoltaico serve parzialmente l'edificio; la quota mancante del consumo istantaneo viene compensata dalla rete elettrica nazionale (come avviene normalmente in assenza di impianto fotovoltaico). La situazione estrema avviene durante la notte, in cui l'abitazione è servita esclusivamente dalla rete elettrica


Funzionamento impianto fotovoltaico con sistema di accumulo


L'impianto fotovoltaico che integra il sistema di accumulo permette di sfruttare una parte dell'energia prodotta in eccesso durante le ore diurne, spostandola temporalmente nel momento di bisogno.
Quando l'impianto fotovoltaico è in funzione, l'energia prodotta (1) é utilizzata in via prioritaria per alimentare le utenze dell'edificio mediante l'autoconsumo istantaneo (2). Se vi è produzione in eccesso rispetto ai consumi istantanei dell'edificio, questa è utilizzata per caricare il sistema di accumulo (3), o viene immessa in rete (5) e rimborsata tramite la convenzione si "scambio sul posto" nel caso le batterie siano cariche.
Quando la produzione non è sufficiente a soddisfare i consumi, se le batterie sono cariche, si utilizza l'energia stoccata nel sistema di accumulo (autoconsumo differito - 5), altrimenti l'energia mancante viene prelevata dalla rete (6), come in assenza di fotovoltaico.
Il sistema di accumulo non é utilizzato solamente nelle ore notturne, ma è sfruttato per soddisfare anche eventuali picchi di consumi istantanei dell'edificio.


Perché fare un fotovoltaico oggi? Semplice, non solo fa risparmiare ma è un investimento con un'ottima resa economica.


Nonostante la fine degli incentivi alla produzione di energia da fonte rinnovabile, con le attuali normative, l'installazione di un impianto fotovoltaico è molto più redditizia rispetto al passato.

È sufficiente avere una superfice abbastanza grande e soleggiata per installare un impianto ed ottenere così un risparmio sulla bolletta e un'assicurazione sul aumento dei costi dell'energia elettrica.

Se si valuta come investimento, l'impianto fotovoltaico residenziale ha un rendimento economico annuo che può arrivare e superare il 10%.

Questo è possibile grazie al calo del costo di tale tecnologia, dell'iva agevolata al 10% e alle detrazioni fiscali IRPEF del 50% (Per lavori entro il 31/12/2017).

Il risparmio in bolletta è generato dall'Autoconsumo, cioè l'utilizzo diretto dell'energia prodotta dal proprio impianto fotovoltaico, che non solo é a costo zero, ma è esente dal costo dei servizi di rete e dalle accise.

Lo Scambio Sul Posto invece conclude il quadro dell'impianto fotovoltaico permettendo di ottenere un rimborso sull'energia immessa in rete e non auto-consumata istantaneamente.


NEW PROJECT s.r.l.

Via Enrico Mattei 13 A
26010 Bagnolo Cremasco (CR)
C.F/P.IVA 01555700192

  • Tel. (+39) 0373.234890
  • Fax (+39) 0373.236940

TAG

  • Impianti a Fonte Energetica Rinnovabile
  • Installazione Impianti fotovoltaici con pannelli solari ad alta efficienza
  • Risparmio Energetico
  • Rispetto dell'ambiente